Il rumore dell’ospedale veterinario non è solo una seccatura, ma come descritto in uno studio del 2006 condotto presso l’Università dell’Illinois, può avere gravi effetti deleteri su pazienti, personale e percezioni estremamente client. In questo studio è stato determinato il rumore creato in un’area di attesa di un rifugio per animali costruito nel 1999 da quello di un martello pneumatico.

“Questi livelli erano superiori a quelli prodotti da un martello pneumatico (110 decibel) .L’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro consiglia di indossare la protezione dell’udito a livelli di rumore superiori a 90 decibel.Il rumore eccessivo nei rifugi può stressare fisicamente i cani e portare a comportamenti comportamentali, fisiologici e anatomici risposte “, ha detto Crista Coppola, un’istruttrice a contratto presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign.

In precedenza abbiamo discusso il ruolo della zonizzazione per il controllo del rumore e dell’odore nella progettazione di un ospedale veterinario. Abbiamo identificato tre zone principali: cliente, clinica e azienda. Dato che la zona di detenzione è l’area che produce la maggior parte del rumore e dell’odore, attenuarla qui dovrebbe essere il nostro obiettivo principale.

Un problema di rumore comune nei rifugi e nelle strutture veterinarie si verifica quando i cani vengono sistemati in gabbie recintate o gabbie una di fronte all’altra. Un singolo abbaio porta spesso a un crescente e sconcertante coro di cortecce che aumenta i livelli di stress negli animali. “I cani sono una specie molto sociale”, ha detto Coppola. “Vogliono stare in giro con altri cani, quando vedono altri cani, ma non riescono a raggiungerli, si sente un sacco di frustrazione che abbaia avanti e indietro”.

Sebbene le aree di detenzione ospedaliere veterinarie generalmente ospitano i pazienti per brevi periodi in modo affidabile, possiamo applicare ciò che abbiamo appreso da questo studio e affrontare l’ambiente costruito di queste aree nel processo di progettazione. Per quelle strutture con servizi di imbarco che possono ospitare animali per periodi più lunghi, le lezioni apprese possono essere applicate direttamente attraverso queste strategie:

  • Evita la progettazione di corridoi a doppio carico nei tuoi reparti e piste.
  • Sollevare il soffitto e utilizzare trattamenti acustici adeguati ai livelli di umidità previsti. I soffitti acustici sospesi o i pannelli acustici acustici negli spazi a soffitto aperto sono appropriati.
  • A causa della natura di queste aree sono in genere costruiti con materiali duri non assorbenti. Prendi in considerazione i pannelli acustici assorbitivi con alti valori NRC sul terzo superiore delle pareti.
  • Individua i tuoi reparti e corri sul retro della tua struttura e consenti alla tua clinica di diventare uno sconcerto naturale per la tua area clienti. Non è possibile eliminare completamente la trasmissione del suono da una zona all’altra senza costi aggiuntivi, ma una corteccia smorzata è del tutto più accettabile di una stridula. Trova meno aree cliniche sensibili al rumore vicino a queste aree.
  • Posizionare le barriere e correre sulle pareti esterne ove possibile. Per sua natura, il design delle pareti esterne è in genere più fondamentale e l’isolamento acustico rispetto alla costruzione interna e le preoccupazioni relative al rumore fastidioso trasmesso alle proprietà vicine sono più facilmente affrontate.
  • Le pareti esterne offrono anche il potenziale per l’ammissione di luce naturale e la vista. Contributo alla luce naturale per un senso di benessere ed è un modo comune per alleviare lo stress. Un animale meno stressato è un animale che ha meno probabilità di urinare o defecare nella sua area di mantenimento creando l’odore che stiamo cercando di controllare. Considerare i lucernari per le aree del reparto che non hanno accesso alle pareti esterne. Possono alleviare lo stress sia nello staff che nei pazienti.
  • Fornire aria negativa nelle aree di attesa e 10-12 cambi d’aria all’ora. Idealmente, le aree di attesa dovrebbero trovarsi in una zona meccanica separata, ma in ogni caso, non fornire mai aria di ritorno da queste aree alle aree del cliente e della clinica della struttura. Chiedete al vostro architetto di lavorare con il progettista meccanico per ridurre il potenziale trasferimento del suono attraverso la canalizzazione in aree sensibili al rumore della vostra struttura. Fornire deflettori acustici in condotto, ove necessario.
  • Fornire pareti di isolamento acustico continuo tra la clinica e la zona di ritenuta della appropriata classificazione STC. Estenderli al mazzo sopra. Fissi le porte della guarnizione e fornisca il vetro d’isolamento a qualsiasi Fenestration compreso i lites della porta. Prestare attenzione alle penetrazioni elettriche, meccaniche e idrauliche, anche il più piccolo foro può distruggere la capacità delle pareti di contenere il suono.
  • Prendi in considerazione la possibilità di fornire musica o rumore bianco. Il rumore non può essere eliminato, ma può essere mascherato efficacemente.
  • Sviluppare protocolli di gioco e pulizia. Controllare l’odore alla fonte in modo tempestivo elimina la preoccupazione di migrare verso aree più sensibili del vostro ospedale. Il progetto di un rifugio contemporaneo include strategie per mantenere l’addestramento domestico per gli animali protetti che include l’interazione programmata e il gioco. In uno studio separato, Coppola ha indicato che il contatto umano è stato determinante nel ridurre gli effetti stressanti dell’alloggiamento di Shelter: “Mantenere i cani fisicamente sani aiuta a mantenerli fisicamente sani e i cani sani e non sottoposti alla tendenza tendono ad essere più calmi e rilassati”. Questo è più applicabile a un servizio di imbarco che a un servizio medico. Un animale abbastanza sano da giocare è probabilmente un animale abbastanza buono da tornare a casa.

Alcune di queste strategie avranno un costo intrinseco minimo o nullo; altri potrebbero essere proibitivi in ​​termini di dimensioni e natura della pratica. Tutti dovrebbero essere considerati nel processo di progettazione dell’ospedale veterinario. Dati i progressi nel benessere degli animali e la sensibilità del design applicata al comportamento e all’interazione degli animali, è chiaro che i giorni della “sterlina” e l’alloggiamento degli animali simili a caserme sono il sole. L’attenzione ponderata e il focus sul benessere esibito dai rifugi per animali e dalle strutture veterinarie di oggi stanno rapidamente lasciando il rumore e lo stress del “martello pneumatico” alle spalle.