Sostenibilità ambientale nel design

L’essenza del design sostenibile è produrre prodotti e fornire servizi in modo da ridurre l’uso di risorse non rinnovabili, minimizzare l’impatto ambientale e ridurre l’impronta di carbonio.

Strutture architettoniche in tessuto sono state utilizzate sin dalla prima introduzione nei primi anni ’60 per esposizioni temporanee. I principali vantaggi erano la capacità di racchiudere grandi spazi con poco materiale e con un impatto minimo sull’ambiente. Essenzialmente, queste prime strutture erano ottimi esempi di design sostenibile. Con una durata di oltre 30 anni, queste strutture in tessuto si sono dimostrate permanenti essendo state utilizzate in centri commerciali, aeroporti, impianti sportivi e scuole.

Le strutture in tessuto sono un’opzione idea con i loro design aperti e ariosi che consentono un’abbondanza di luce naturale, un alto grado di traslucenza e costi operativi ridotti. Con le crescenti preoccupazioni per il riscaldamento globale e il cambiamento climatico, vi è un’esigenza sempre presente di strutture con efficienza energetica durante l’intero ciclo di vita di un edificio. Gli architetti stanno utilizzando molte tecniche diverse per ridurre il fabbisogno energetico degli edifici e aumentare la loro capacità di catturare o generare la propria energia.

Costruire con il tessuto consente la creazione di strutture con splendidi profili architettonici. Oltre a fornire “la libertà attraverso la forma”, le membrane architettoniche vantano proprietà uniche di trasmissione della luce che consentono una sensazione all’aperto e aperta di ambienti esterni, riempiendo gli sviluppi commerciali, i grandi complessi sportivi e le strutture industriali con luce naturale diffusa. Quando illuminate di notte, le membrane architettoniche formano strutture luminose distintive e drammatiche che esaltano l’estetica interna ed esterna.

Ci sono molti vantaggi nella scelta delle strutture di tessuto rispetto alle strutture tradizionali “mattoni e malta”, alcuni di questi vantaggi includono; ventilazione naturale, ventilazioni spontanee e applicazione di convezione naturale, riscaldamento solare, cogenerazione di energia elettrica, stoccaggio dell’acqua, trattamento delle acque e utilizzo di acque grigie. Le strutture in tessuto possono essere orientate per catturare viste e ventilazione naturale fornendo al tempo stesso un’esposizione solare ottimale per mantenere i livelli di comfort in estate e in inverno. Selezionando un’opzione edilizia trasferibile e riciclabile, l’impatto sull’ambiente è minore, i costi di costruzione ridotti e la conservazione delle forme e della vegetazione esistenti.

Materiali sostenibili usati

Le membrane traslucide possono diffondere fino al 92% della luce diurna consentendo la luce naturale nella struttura, riducendo la necessità di elettricità ed eliminando i riflessi dal sole. Maggiore è la struttura, maggiore è il beneficio per l’ambiente e maggiori sono i risparmi sui costi di gestione dell’edificio. Le opzioni di rivestimento su queste strutture li rendono autopulenti e resistenti a macchie, sporco e sostanze inquinanti. Esistono molte alternative di membrana, alcune con una durata di vita di oltre 30 anni e molte completamente riciclabili con il vantaggio della durata, dei costi ridotti di riscaldamento, raffreddamento e illuminazione, nonché dell’eliminazione delle sostanze chimiche grazie alla pulizia automatica dei tessuti.

Edilizia ambientale – “Ricerca di forma”

La maggior parte delle strutture di tessuto tese sono progettate, ingegnerizzate e fabbricate da “ricerca del modulo”. Ciò significa che sono progettati per essere non solo strutturalmente efficienti, ma realizzati e installati con risorse sprecate in pochissimo tempo e con un consumo energetico minimo.

Il tessuto architettonico è uno dei materiali da costruzione più leggeri e può creare l’involucro più grande dell’edificio. A causa del peso più leggero della membrana e dell’acciaio strutturale, l’intero sistema strutturale può essere spedito sul posto con meno camion ed eretto con meno attrezzature. Strutture di tessuto progettate correttamente possono avere un impatto minimo sul terreno con fondazioni di calcestruzzo più piccole per i carichi di compressione e l’uso della tecnologia di ancoraggio dei cavi di utilità per carichi di tensione. Questi sforzi possono avere un notevole risparmio quando il sito viene utilizzato per strutture temporanee o strutture schierabili in cui il riutilizzo è inevitabile.