Se sigillassimo completamente la nostra casa, dovremmo avere aria fresca solo quando apriremo una porta o una finestra. Abbiamo bisogno di ventilazione per scaricare odori indesiderati, vapore acqueo e inquinamento, e sostituirli con aria fresca, ma dobbiamo anche controllare la ventilazione in modo che possiamo accenderla e spegnerla quando ne abbiamo bisogno, e dirigerla dove è necessario. In questo modo possiamo prevenire lo spreco di calore nel modo in cui l’acqua viene sprecata attraverso i rubinetti gocciolanti. Quindi perdiamo solo il calore nell’aria a cui è permesso sfuggire per scopi di ventilazione.

La saggezza convenzionale ha stabilito che una stanza di dimensioni medie richiede almeno un ricambio d’aria all’ora quando è occupata. Tuttavia, ciò varia e dipende da fattori quali il numero di occupanti, il numero e la natura delle fonti di inquinamento. Tradizionalmente, la ventilazione è stata ottenuta con l’uso di mattoni ad aria e infiltrazioni; tuttavia, poiché la nostra conservazione dell’energia diventa più sofisticata, abbiamo bisogno di sviluppare una strategia di ventilazione corrispondentemente più sofisticata. Prima di elencare le possibili misure in una strategia, esamineremo la ventilazione per la combustione e gli scambiatori di calore.

Ventilazione permanente per la combustione

È condizione statutaria che gli apparecchi di riscaldamento che richiedono aria dall’interno di una stanza per un funzionamento sicuro debbano avere un ventilatore permanente. Il pericolo è che il combustibile non bruci efficientemente senza ossigeno sufficiente; Se i prodotti tossici di combustione non vengono esauriti, possono accumularsi in una stanza e possibilmente risultare fatali. Nelle vecchie case i ventilatori originali sono spesso tappezzati e ovviamente è importante che siano entrambi sbloccati o che venga trovata una rotta alternativa per l’aria di combustione in entrata. Un modo per fornire questo percorso alternativo è attraverso un condotto appositamente costruito che fornisce aria direttamente all’apparecchio. Molti apparecchi moderni superano questo problema disponendo di una canna fumaria bilanciata che aspira l’aria dall’esterno e la espelle attraverso lo stesso raccordo.

Scambiatori di calore

C’è un modo per risparmiare il calore perso attraverso la ventilazione controllata? Gli scambiatori di calore sono progettati per fare proprio questo. Sono un nuovo metodo affidabile per recuperare il calore dall’aria calda prima che sia esaurito verso l’esterno e vengono utilizzati in modo incrementale come parte di una strategia globale per la ventilazione e il risparmio energetico. Il principio è semplice: l’aria in uscita viene estratta attraverso una matrice di tubi cavi e alette che riscaldano l’aria in ingresso contenuta al loro interno. Nei sistemi più grandi, l’aria calda viene raccolta attraverso i condotti di vari luoghi intorno alla casa, come i bagni e le cucine, e l’aria fresca e calda viene consegnata ai salotti. Lo scambiatore di calore può essere posizionato ovunque nella casa, ma lo spazio sul tetto è il solito luogo. La consulenza di esperti è essenziale se stai pensando di installare uno scambiatore di calore.

La tua strategia di ventilazione

Una volta identificati i problemi individuali in ogni stanza della casa, come un riscaldatore che richiede ventilazione a combustione o una stanza con troppa umidità, è necessario elaborare una strategia di ventilazione. Forse la decisione più importante che dovresti fare all’inizio è se installare uno scambiatore di calore con condotti in varie parti della tua casa. Se lo decidi, il problema è più o meno risolto in una volta. Questa dovrebbe essere l’opzione più efficiente dal punto di vista energetico. In caso contrario, prendere in considerazione tutte le misure di seguito e cercare di bilanciare il flusso d’aria in ogni stanza della casa in modo da avere un afflusso e un deflusso. Se questo sembra complicato, perseverare e trovare il modo di semplificare il problema nella tua mente: ad esempio, se si adattano ventilatori controllabili a tutte le finestre, lasciano vuoti intorno alle porte interne e installano i ventilatori dell’estrattore in bagno e in cucina, questo sarebbe suffi¬cient. Ovviamente avrai sempre la possibilità di aprire semplicemente Windows come richiesto. Spetta a te quanto sia sofisticato il tuo sistema. Ricorda che in una casa alta con un clima molto freddo o molto ventoso, qualsiasi sistema tu abbia bisogno di essere chiuso fino a quando le differenze di pressione costringeranno l’aria attraverso aperture molto più piccole. Qualunque cosa tu decida, è importante sviluppare una strategia di ventilazione che si adatti alla tua casa come la usi. Queste sono le possibilità per te di considerare:

o Decidere se installare un sistema di scambio termico.

o Montare ventilatori controllabili controllabili in ogni stanza per ottenere la ventilazione trasversale (la facilità con cui questi possono essere adattati alle varianti di finestre esistenti con il tipo di finestra).

Strategie di ventilazione.

o Installare i ventilatori dell’estrattore meccanico in cucina e in bagno, controllati da un timer o un umidostato (interruttore di controllo dell’umidità).

o Installare una ventilazione permanente per gli apparecchi di combustione che si vende da una fonte di aria dall’interno.

o Utilizzare camini defunti come canali per la ventilazione o la canalizzazione. Questo può essere particolarmente utile se è difficile adattare i ventilatori alle finestre. Considera anche l’uso dei camini per ricircolare l’aria calda verso i negozi superiori o viceversa.

o Installare misure di pulizia dell’aria: meccaniche o biologiche, ionizzatori o filtri. Se il problema principale è l’umidità, prendere in considerazione l’uso di un deumidificatore e, in caso di mancanza di umidità, considerare un umidificatore umido o ancora l’uso di piante.

o Apertura e chiusura di finestre secondo necessità: se le porte esterne vengono utilizzate costantemente, ciò può fornire una ventilazione sufficiente per gran parte della giornata.